La Fondazione Birra Moretti opera senza fine di lucro e ha lo scopo, ai fini del raggiungimento di finalità di pubblica utilità, di migliorare la conoscenza della birra in Italia, attraverso la diffusione della cultura della birra a tavola, lavorando sui fattori che generano un impatto positivo sulla vita culturale, economica e sociale del nostro Paese.

La Fondazione Birra Moretti è una Fondazione di Partecipazione costituita da HEINEKEN Italia e Partesa, network di distribuzione del Gruppo, al fine di contribuire alla crescita della cultura della birra in Italia.

La Fondazione raccoglie oggi l’eredità del lavoro svolto da Birra Moretti (dal 2006 partner unico de Il Premiolino) e assume il ruolo di “mecenate” del più antico premio giornalistico in Italia, con oltre 50 anni di vita, condividendone i valori legati alla diffusione della cultura, di un’informazione di qualità e alla valorizzazione del talento.

Vai al sito della Fondazione Birra Moretti

Premio Fondazione Birra Moretti
per la Diffusione della Cultura Alimentare

Fra i riconoscimenti assegnati ogni anno dalla Giuria de Il Premiolino, uno viene destinato a quei giornalisti capaci, attraverso il proprio lavoro, di stimolare fra i lettori l’amore per la cucina, il piacere del mangiare sano, informato, corretto.
Istituito con l’edizione del 2009, e oggi denominato Premio Fondazione Birra Moretti per la Diffusione della Cultura Alimentare, il riconoscimento è coerente con il desiderio della Fondazione Birra Moretti di divulgare una cultura alimentare made in Italy di qualità.

albo d’oro

Angela Frenda  – Corriere della Sera, Eliana Liotta – Io Donna (ex aequo)

Motivazione: Un premio ex aequo che riconosce il lavoro, all’interno dello stesso Gruppo Editoriale, di due approcci differenti ma complementari di fare cultura del cibo. Attraverso la carta stampata, il web, gli eventi e i libri, Angela ed Eliana raccontano come stare bene con il buon cibo. Due firme che rappresentano un bellissimo esempio di come il giornalismo oggi possa farsi strumento positivo per divulgare ad ampio raggio una corretta cultura alimentare in Italia.

Fede e Tinto – Decanter Radio Rai 2

Motivazione: Con la conduzione di Decanter, programma cult di Rai Radio2, Fede e Tinto accompagnano gli italiani alla scoperta dei grandi temi dell’enogastronomia e dell’agricoltura, con analisi approfondite e il loro stile ironico e scanzonato. Nel 2015 hanno raccontato EXPO in diretta dall’esposizione universale, arricchendo la diffusione della cultura alimentare del nostro Paese.

Jamie Oliver Magazines and Broadcasting

Motivazione: Il network di Jamie Oliver diffonde il messaggio di una sana alimentazione e stimola i produttori a rendere il buon cibo accessibile a tutti. La coerenza editoriale delle produzioni TV, di YouFood e dei libri di Jamie, insieme alla chiarezza del linguaggio del magazine diffuso in 45 paesi, influenzano milioni di persone e Governi in tutto il mondo. Oltre 1 milione e 500 mila persone hanno firmato la petizione Foodrevolutionday, campagna globale che promuove l’educazione alimentare per i bambini nelle scuole.

Paolo Marchi – marchidigola.it e Ideatore e Promotore di Identità Golose

Motivazione: Ha contribuito a valorizzare la cucina d’autore in Italia e nel mondo; come giornalista food e curatore del blog Marchidigola.it comunica il mondo del gusto in modo autorevole ma con leggerezza, promuovendo la diffusione della cultura alimentare del nostro Paese. Ricerca il nuovo e lo sa riconoscere quando è un valore, conosce la tradizione. È ormai un punto di riferimento nel giornalismo enogastronomico.

Carlo Petrini – La Repubblica e fondatore di Slow Food

Motivazione: Promuove in tutto il mondo uno stile di vita rispettoso dei territori e delle tradizioni locali. Oggi si premia il giornalista: i suoi articoli affrontano la complessità dei temi connessi alla cultura alimentare rendendo semplice ciò che appare complesso e contribuendo a diffondere una cultura alimentare basata sulle diversità delle materie prime e sulla qualità degli ingredienti.

Gloria Ciabattoni – Quotidiano Nazionale

Motivazione: Attenta e puntuale, si muove nel mondo del giornalismo enogastronomico firmando articoli dai toni amabilmente divulgativi: percorsi sulle vie del gusto e nuove tendenze con un occhio di riguardo al benessere e al mangiar sano. La rubrica Viaggi e Sapori contribuisce a diffondere una corretta cultura alimentare.

Roberto Perrone – Corriere della Sera

Motivazione: La rubrica Scorribande, appuntamento fisso sulle pagine del sabato del Corriere della Sera, è ormai una perla del giornalismo eno-gastronomico. Accompagnando i lettori alla scoperta di angoli gourmand rappresentativi dell’Italia a tavola. Esperienze e sapori scaturiscono dalle righe dei suoi pezzi, apportando contributi puntuali e sinceri alla diffusione della cultura alimentare nel nostro Paese.

Bruno Gambacorta – TG2 Eat Parade

Motivazione: Per aver contribuito, con passione e professionalità, a diffondere la ‘cultura alimentare’ nel nostro Paese. Con occhio sempre attento alla storia, alle tradizioni e alle tipicità del territorio, Bruno Gambacorta, attraverso la sua rubrica settimanale, offre ai telespettatori utili suggerimenti in campo culinario e propone appassionanti percorsi gastronomici.

Licia Granello – La Repubblica

Motivazione: Per il suo costante impegno nel divulgare, in maniera sempre attenta e documentata, i grandi temi sociali connessi all’alimentazione. Perché capace di regalare attraverso i suoi articoli, godibili e mai scontati, straordinari viaggi alla scoperta del gusto. Per la sua indomita crociata contro il cibo-spazzatura.

dal percorso culturale di Birra Moretti alla Fondazione

Birra Moretti, l’ammiraglia di casa HEINEKEN Italia, ha ricoperto il ruolo di paladina della birra in cucina, in qualità di unico marchio che racchiude in sé tre requisiti fondamentali: qualità, varietà, diffusione.

Una potenzialità evidente già nel 2007 quando Birra Moretti ha dato il via al pionieristico percorso di promozione della cultura della birra in Italia, coerentemente con gli stili e i gusti del nostro Paese. Un progetto ad ampio raggio e in continua evoluzione che, nel valorizzare la storia, l’esperienza birraria e la qualità della gamma di birre più premiata e amata d’Italia, dà voce al Paese.

La Fondazione Birra Moretti oggi raccoglie i progetti culturali più significativi che Birra Moretti ha intrapreso in questi anni, coinvolgendo il maggior numero di persone, tra addetti ai lavori e semplici appassionati.