Ha inizio nel 2007 il pionieristico percorso di Birra Moretti finalizzato alla promozione di una nuova cultura della birra in Italia, coerentemente con gli stili e i gusti del nostro Paese. Un progetto ad ampio raggio e in continua evoluzione che, nel valorizzare la storia, l’esperienza birraria e la qualità della famiglia di birre più premiata d’Italia, dà voce al Paese attraverso le attività di ricerca e divulgazione dell’Osservatorio Birra Moretti e crea opportunità per le eccellenze emergenti. 2007 Italiani sinceri, ma non troppo – È la prima indagine sociale promossa dall’Osservatorio Birra

Moretti – condotta da Astra Ricerche – che, scandagliando fra coscienza e interiorità, porta alla luce il livello di onestà intellettuale, di correttezza sociale, di autenticità relazionale che caratterizzano il nostro modo di pensare, di agire, di rapportarci con gli altri. Quello della sincerità rappresenta il primo di una serie di valori che, nelle intenzioni di Birra Moretti, da sempre paladina del gusto per la sincerità, potranno essere indagati negli anni a venire con l’obiettivo di comprendere sempre meglio il modo di pensare e di comportarsi degli italiani.

Partnership con IPCA – Scuola della Cucina Italiana – Dall’alleanza con IPCA e Scuola della Cucina Italiana nasce la prima collezione di ricettari che propone la Birra in abbinamento e come ingrediente per la ricettazione. In cucina con Birra Moretti? Perché no! – Vol. 1 (2007) e Vol.2 (2008) sono gratuiti, scaricabili online e pensati per un pubblico di appassionati non necessariamente esperti. Propongono 50 ricette, dagli antipasti ai dolci, nate seguendo il ritmo naturale delle stagioni, in cui i gusti e i colori di Birra Moretti diventano ingredienti di successo. Della collana fa parte anche Le ricette del 45° (2008): 8 ricette per tutti realizzabili nel tempo dell’intervallo di una partita di calcio.

2008 La partnership con Identità Golose – Nel 2008, Birra Moretti diviene main sponsor di Identità Golose, il Congresso Italiano della Cucina d’Autore che ogni anno richiama dall’Italia e dal mondo grandi Chef, giornalisti, addetti ai lavori, opinionisti ‘della forchetta’ e amanti del ben mangiare. Se la qualità (del cibo) e l’innovazione (in cucina) sono i protagonisti di sempre a Identità Golose, lo stesso binomio caratterizza fortemente la filosofia aziendale di Birra Moretti, prodotta seguendo regole tradizionali e utilizzando materie prime di alta qualità. 2009 ll Premiolino e il Premio Birra Moretti per la diffusione della cultura alimentare in ambito giornalistico – A partire dal 2006 Birra Moretti è “mecenate” de Il Premiolino, il premio giornalistico più antico e prestigioso d’Italia, condividendone i due valori portanti: la sincerità e la convivialità. Non a caso il titolo del Premio oggi recita “Il gusto della sincerità”. Con l’edizione 2009 viene istituito il Premio Birra Moretti per la diffusione della cultura alimentare destinato ai giornalisti impegnati in una corretta e attenta opera di divulgazione e valorizzazione della cultura alimentare made in Italy. L’importante riconoscimento viene assegnato ogni anno dalla Giuria de Il Premiolino (www.premiolino.it).

Nel cuore di Napoli nasce “Pizza Moretti” – Nel 2009 il famoso piatto della tradizione partenopea e italiana, la pizza, viene rielaborato dall’antica Pizzeria Brandi di Napoli, utilizzando un impasto creato ad hoc per Birra Moretti con farina di malto, farina di mais e lievito di Birra Moretti. Sono proprio queste le materie prime che rendono Pizza Moretti unica, come gli ingredienti che guarniscono, tutte ricercate prelibatezze di origine esclusivamente campana.

Grandi Chef per Birra Moretti – A partire dal 2009, sono sempre più numerosi i grandi Chef stellati, assi della cucina italiana – da Massimo Bottura a Claudio Sadler, da Andrea Berton a Davide Oldani, per citarne alcuni – che vengono coinvolti da Birra Moretti nel suo progetto culturale e invitati a creare ricette e menu, utilizzando le specialità della famiglia Birra Moretti in abbinamento e come ingrediente nei loro piatti.

2010 La Carta degli Abbinamenti delle birre di Birra Moretti – L’attività editoriale si arricchisce con La Carta degli Abbinamenti delle birre di Birra Moretti, pensata per contribuire a diffondere la corretta cultura della birra. Un volume di 74 pagine, affidate all’esperta penna di Maurizio Maestrelli, uno dei più competenti giornalisti italiani in materia birraria, per divulgare le regole base per gustare a pieno una birra e per abbinarla correttamente al cibo. Italiani a Raggi Eat: una ricerca alla scoperta di gusti e abitudini alimentari degli italiani – L’Osservatorio Birra Moretti presenta i risultati della seconda ricerca sociale “Italiani a Raggi Eat”. Con Marilena Colussi, sociologa dell’alimentazione, il campo di indagine si apre al rapporto che il nostro Paese ha con l’alimentazione in generale e con la birra in particolare, soffermandosi sul concetto di ‘identità nazionale gastronomica’. Il sondaggio coinvolge un campione rappresentativo di oltre 26 milioni di italiani intervistati via web e 11 fra i più noti Chef italiani, chiamati a commentare i principali risultati dell’indagine. Dalla ricerca, emerge il profilo del Beer Lover italiano: quasi 4 milioni di persone che nutrono nei confronti della birra una vera e propria passione privilegiandola a tutte le altre bevande.

2011 Ogni birra ha la sua spezia – Debutta la partnership con Gambero Rosso – punto di riferimento per migliaia di appassionati del ben mangiare – e nasce “Birra e spezie, perché no?”, sezione del sito www.gamberorosso.it nella quale Birra Moretti e Gambero Rosso esplorano nuove strade del gusto scegliendo le combinazioni ideali fra spezie e birra. Sei diversi stili birrari e 20 fra spezie e aromi, grazie al corretto abbinamento, diventano i protagonisti indiscussi di tante ricette create per esaltare il gusto della birra.

Premio Birra Moretti Grand Cru – In collaborazione con Identità Golose, Birra Moretti lancia il Premio Birra Moretti Grand Cru, primo concorso nazionale rivolto a Chef e Sous Chef italiani under 35 “con la passione della birra in cucina”. Il vincitore della prima edizione – Giuliano Baldessari, sous chef del ristorante Le

Calandre di Sarmeola di Rubano (PD) – è stato decretato da una Giuria d’eccezione composta da 8 chef pluristellati (Massimo Bottura – presidente, Andrea Berton, Cristina Bowerman, Carlo Cracco, Gennaro Esposito, Davide Oldani, Claudio Sadler, Davide Scabin), da un sommelier di fama mondiale (Marco Reitano), oltre che da Alfredo Pratolongo per Birra Moretti e dal giornalista e ideatore di Identità Golose Paolo Marchi.

2012 Gli Italiani? Kitchen People! – È la nuova e più recente puntata dell’indagine sul rapporto tra gli Italiani e il cibo e sui risvolti sociali connessi al ‘vivere la tavola’, condotta dalla sociologa dell’alimentazione Marilena Colussi con l’Istituto C.R.A. per l’Osservatorio Birra Moretti. La ricerca si è focalizzata sul concetto di ospitalità e sugli argomenti di conversazione prediletti o da censurare, per poi fare un raffronto con le abitudini del popolo britannico, scoprendo che è sempre più forte la dimensione italiana di Kitchen People. Premio Birra Moretti Grand Cru – La seconda edizione del Premio – che, sul successo della prima ha registrato un incremento del 20% nel numero dei partecipanti – viene conquistata da Christian Milone, Chef del ristorante Trattoria Zappatori di Pinerolo (TO). La Giuria stellata che lo ha eletto, presieduta da Claudio Sadler, era composta dagli Chef Andrea Berton, Cristina Bowerman, Iside De Cesare, Nino Di Costanzo, Davide Oldani, Simone Padoan, Andrea Sarri, dal sommelier Giuseppe Palmieri, da Alfredo Pratolongo e Paolo Marchi.

La Carta dei Valori della Birra – Nasce la Carta dei Valori della Birra, che riassume e delinea la filosofia della nuova cultura della birra in Italia promossa da Birra Moretti. La Carta, che indirizza verso un consumo di qualità, consapevole e responsabile della birra, viene sottoscritta da alcuni tra i più importanti Chef italiani.

2013 Premio Birra Moretti Grand Cru – La terza edizione del Premio, alla quale hanno aderito 156 giovani promesse della cucina italiana, ha visto trionfare Luigi Salomone, Sous-Chef del ristorante Marennà di Cerza Grossa Sorbo

Serpico (AV). Questi i membri della Giuria pluristellata che lo hanno eletto:

• Presidente: Claudio Sadler, chef del ristorante Sadler di Milano (2 stelle Michelin):

• Francesco Apreda, chef del ristorante Imàgo presso l’Hotel Hassler di Roma (1 stella Michelin)

• Fabio Barbaglini, autore della recente riapertura dell’Antica Osteria del Ponte di Cassinetta di

Lugagnano, in provincia di Milano

• Roberto Cerea, chef del ristorante Da Vittorio di Brusaporto, in provincia di Bergamo (3 stelle Michelin)

• Simone Padoan, chef del ristorante I Tigli di San Bonifacio, in provincia di Verona

• Beppe Palmieri, maitre e sommelier dell’Osteria Francescana di Modena (3 stelle Michelin)

• Marco Reitano, sommelier de La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri di Roma (3 stelle Michelin)

• Antonella Ricci, chef del ristorante Al Fornello Da Ricci di Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi (1

stella Michelin)

• Giuseppe Vaccarini, miglior Sommelier del Mondo del 1978 e presidente ASPI (Associazione della Sommellerie Professionale Italiana) A questi si aggiungono Paolo Marchi e Alfredo Pratolongo per un totale di 11 giurati.

Italiani: tifosi da divano! – L’Osservatorio Birra Moretti è tornato a indagare sui fenomeni che più entusiasmano il Bel Paese, sui grandi temi che animano e caratterizzano il nostro vivere sociale. Condotto dall’istituto di ricerca Duepuntozero Doxa, “Italiani: tifosi da divano!” mette sotto la lente di ingrandimento gli aspetti più salienti e le tante sfaccettature della nostra irrefrenabile, genetica, viscerale e spesso parzialissima passione per il calcio. Il risultato è una cartina al tornasole su come, quanto, quando e dove in Italia si vive (e si tifa) il calcio.

Partnership con ASPI e Carta dei Valori della Birra – Birra Moretti avvia una partnership con ASPI (Associazione della Sommellerie Professionale Italiana) punto di riferimento nel nostro Paese della più alta espressione della Sommellerie contemporanea. La Carta dei Valori della Birra viene condivisa con l’associazione, diventa un decalogo, e viene sottoscritta da Giuseppe Vaccarini (Presidente ASPI) che ne avalla pubblicamente il contenuto. La Carta diviene inoltre parte integrante del regolamento del Premio Birra Moretti Grand Cru e raccoglie l’adesione dei 156 partecipanti, giovani promesse dell’alta cucina italiana.

Progetto Abbiniamo – Birra Moretti, in collaborazione con ASPI, avvia un’iniziativa pilota dedicata ai sommelier di 9 ristoranti milanesi (Chic’n Quick, Il Liberty, Innocenti Evasioni, La Brisa, Pane e Acqua, Trussardi alla Scala, Trattoria da Giannino, Pisacco, Tano Passami l’Olio): corsi preparatori condotti da un esperto dell’Associazione della Sommellerie Professionale Italiana con l’obiettivo di formare veri e propri Esperti della Birra, in grado di suggerire i corretti abbinamenti tra birra e cibo.

2014 Premio Birra Moretti Grand Cru – È stata recentemente lanciata la quarta edizione del Premio. Due gli step per arrivare in finale. La prima prova prevede l’ideazione di un piatto salato (la selezione avviene a luglio) e la seconda di un piatto dolce (la selezione avviene a settembre). Un duplice fondamentale obbligo deve però essere rispettato nel dar vita alle ricette, ovvero quello di utilizzare sempre una delle birre della famiglia Birra Moretti (come ingrediente e in abbinamento) e una o due delle spezie/erbe aromatiche previste dal regolamento.